sabato 11 gennaio 2014

CARUSO E IL PORTAMENTO VOCALE

Facciamo chiarezza: il PORTAMENTO come s'intende troppo spesso nelle moderne scuole di Canto o come lo insegnano nei Conservatori è una sorta di glissato brutto e lamentoso; per questo, - giustamente - , il PORTAMENTO viene demonizzato e tenuto alla larga qual peste infettiva.

Ma allora perché un grande Cantante come Caruso avrebbe tanto apprezzato e praticato esercizi per FARE il PORTAMENTO?

Ecco che mi viene in aiuto il mio primo Maestro di Canto. Me lo ricordo ancora quando mi diceva: "Porta la voce, la voce la devi portare, lega!" e associava il termine PORTAMENTO al concetto del LEGATO...

Ecco svelato l'arcano, gli esercizi sul portamento vanno letti come "ESERCIZI PER PORTARE LA VOCE",  DA UNA NOTA ALL'ALTRA CON GENTILEZZA.

Non esiste voce ben portata e legata senza FLESSIBILITA' e MORBIDEZZA, ci si "appoggia" sul fiato e con morbidezza si canta in maschera portando la voce.

Ritengo quindi che il PORTAMENTO sia uno strumento indispensabile per cantare mirabilmente, senza sforzo fonatorio, e per produrre un LEGATO di altissima qualità (come se una nota fosse dentro l'altra", v. ESERCIZIO XXVI)
Lasciamo ancora una volta la parola a Caruso, attraverso la testimonianza diretta del suo Pianista e Preparatore vocale, Salvatore Fucito (1875 - 1929).


<<Questi tre esercizi [N.B. : esercizi ed esempi con l'uso indicato del "Portamento"!] li impiegò Caruso per coltivare la flessibilità della mandibola, e, sebbene la rapida ripetizione del "DO" faccia muovere facilmente e con agilità sia la lingua che la mandibola, il cantante non deve ostacolare il libero movimento dei due organi mancando di rilassarli. In questo, come in tutto ciò che riguarda il belcanto, la rigidità in qualsiasi voglia forma impedirà il raggiungimento dell'obbiettivo che il cantante si è prefissato - il bel canto.>>

(tratto da: "Caruso and the Art of Singing" (1922) scritto da Salvatore Fucito, il preparatore e l'accompagnatore pianistico di Caruso) - Pag. 193, Cap. IX " Caruso e il fondamento della tecnica vocale"

Buon "portare" la voce a tutti voi!


 
Il Tenore Enrico Caruso


Il Tenore Enrico Caruso è il Duca di Mantova nel Rigoletto di Verdi al Metropolitan  (1903)
-----------------------------------------------------------------------------------------------------



Belcanto Italiano Masterclasses torna a Roma
dal 28 al 31 maggio 2015.

Durante il seminario sarà organizzato un incontro speciale
con il Dott. Beniamino Gigli,
nipote del grande Tenore Italiano.

Venite a trovarci nella Sala dei Papi in Piazza della Minerva!
Per informazioni e prenotazioni: 347.58.53.253
segreteria.belcantoitaliano@gmail.com 

Nessun commento:

Posta un commento