martedì 3 maggio 2022

"EXSULTATE, JUBILATE", Concerto di musica sacra a Milano l'8 maggio per il 'Festival internazionale itinerante di Belcanto Italiano'

8 maggio 2022: alle ore 20.30, nella basilica milanese dei Santi Achilleo e Nereo, in viale Argonne 56, approda il Festival internazionale itinerante di Belcanto Italiano. Un viaggio musicale straordinario non solo per l'alta qualità che viene proposta, ma anche per la sua caratteristica unica che lo vede vivere, appunto "in itinere" tra varie regioni d'Italia e diverse nazioni all'estero.
Per il concerto di domenica sera si 'incontreranno' allievi e maestri dell'Accademia Nazionale di Belcanto Italiano eseguendo per il pubblico del capoluogo lombardo musiche di Pergolesi, Vivaldi, Durante, Bach, Haydn, Mozart, Schubert, Rossini, Donizetti e Verdi.

Aprirà il concerto l'esecuzione integrale del Mottetto "Exsultate, Jubilate" concepito e scritto a Milano da un Mozart diciassettenne per essere eseguito nella stessa città nel gennaio del 1773 dal castrato marchigiano Venanzio Rauzzini.
Così, a quasi 250 anni di distanza, questa musica sgorga freschissima in apertura di un concerto che prende nome dal Mottetto stesso: in un momento che sembra non avere fine, tormentato da guerre e angosce collettive, si può  ascoltare una voce di speranza che non solo consiglia, ma impone con gioia la meraviglia dell'Arte.
La musica del giovanissimo compositore salisburghese, arriva a noi come un antico messaggio in bottiglia, incurante delle tempeste passate, presenti e future: il genio della soavità in musica, assieme agli altri compositori che saranno eseguiti in questa serata musicale a tinte primaverili, vince ancora una volta.

I solisti, Allievi dell'Accademia Nazionale di Belcanto Italiano, sono Arianna Richeldi, soprano (Italia), Charlotte Fenudi, mezzosoprano (Germania), Vizsnyai Ferencz-Botond, tenore (Romania), Gabriel Goebel, baritono (Germania) e Pier Luigi Melis, basso (Italia), ed i Maestri Astrea Amaduzzi, soprano lirico di coloratura (Italia) e Mattia Peli, pianoforte (Italia), con la partecipazione del trombonista Luigi Bagnato (Italia) e l'accompagnamento del coro diretto dal M° Yutaka Tabata (Giappone).

Nel ricco ed interessante programma, nel quale si alterneranno musiche sacre a musiche operistiche d'ispirazione sacra, oltre a una scelta di bellissime arie e duetti spiccano all'occhio i quartetti "Tuba mirum", dal Requiem mozartiano, ed il celebre "Dal tuo stellato soglio" del Mosè di Rossini.

Ingresso libero fino a esaurimento posti - Info e prenotazioni (Tel./WhatsApp) 347.5853253

-------

PROGRAMMA

- I parte -

Mozart - Exsultate, jubilate (mottetto composto ed eseguito per la prima volta a Milano nel 1773) -
Exsultate, jubilate - Fulget amica dies (rec.) - Tu virginum corona - Alleluja

Vivaldi - Quia respexit (dal "Magnificat") - 1717 ca.

Pergolesi - Stabat Mater (duetto dallo "Stabat Mater") - 1735

Durante - Vergin, tutto amor, o madre di bontade (preghiera su melodia apparsa nei 'Solfèges d'Italie' del 1772)

Bellini - Salve regina - 1818

Schubert - Ave Maria (su testo latino) - 1825

Verdi - La vergine degli angeli (da "La forza del destino") - 1862

- II parte -

Mozart - Tuba mirum (quartetto dal "Requiem") - 1791

Bellini - Angiol di pace (duetto, preghiera dalla "Beatrice di Tenda") - 1833

Bach - Et in Spiritum sanctum Dominum (dalla "Messa" in si minore) - 1748-49

Donizetti - Di quai soavi lagrime (da "Poliuto, o sia I Martiri") - 1838
 
Haydn - In manus tuas Domine commendo spiritum meum - Il Terremoto (da "Le sette ultime parole di Gesù sulla croce") - 1787

Rossini - Laudamus te (dalla "Messa di gloria") - 1820

Rossini - Agnus Dei (dalla "Petite messe solennelle") - 1863

Rossini - Dal tuo stellato soglio (quartetto dal "Mosè") - 1818

La grande tecnica vocale dell'antica scuola italiana - Roma, 14 e 15 maggio 2022

Vi aspettiamo a Roma, il 14 e 15 maggio 2022, per il seminario 'La grande tecnica vocale dell'antica scuola italiana'.

Due giornate di corso intensivo con i fondatori di Belcanto Italiano: Astrea Amaduzzi, soprano ed esperta di tecnica vocale e il M° Mattia Peli, Maestro preparatore e vocal coach

Info e prenotazioni (Tel./WhatsApp) (+39) 3475853253

martedì 26 aprile 2022

Inaugurato a Ravenna il tour "I Pomeriggi dei Grammofoni" con Belcanto Italiano

"I Pomeriggi dei Grammofoni" - nuova iniziativa 'itinerante' di Belcanto Italiano inaugurata a Ravenna

Gentili amici di Belcanto Italiano, diamo avvio, oggi pomeriggio, 26 aprile 2022, a una nuova iniziativa organizzata che si svilupperà costante nei mesi, a Ravenna, intitolata I POMERIGGI DEI GRAMMOFONI:
ascolteremo, per ciascun incontro, poche facciate di dischi a 78 giri con incisioni di straordinarie voci, sia maschili che femminili, di artisti del periodo d'oro della lirica, a cui seguiranno le nostre consuete lezioni di canto 'in presenza' nelle quali proseguiremo nello studio ed approfondimento della tecnica vocale e nello sviluppo del repertorio sulle basi dei principi dell'arte del bel canto.

Ringraziamo per le donazioni di dischi la Sig.ra Franca Esposito di Roma e il Sig. Davide Mazza Spantigati di Alessandria, dischi che faremo sentire a cominciare proprio da questo pomeriggio di fine aprile, per continuare lungo tutto il mese di maggio e di giugno, anche in altre città italiane di tutta la penisola. Questo per portare avanti il progetto iniziato con il nostro meraviglioso amico Mauro Benedetti!

Tutti gli ascolti verranno video-registrati e pubblicati online. Seguiteci sul canale YouTube "Bel Canto in Grammofono".

--> https://www.youtube.com/channel/UC8K2wprJjPfDMnqhHaR1Gzg/videos

martedì 19 aprile 2022

Il Festival internazionale itinerante di Belcanto Italiano in Piemonte

Festival internazionale itinerante di Belcanto Italiano: quando non sono le persone ad entrare nella realtà di un festival musicale, ma è il festival ad avere un respiro internazionale perché riunisce allievi e docenti di diverse aree del mondo e si svolge in itinere, ecco che avviene una magia: ci si rende conto che la musica lega, unisce, avvicina, viaggia, favorisce relazioni, amicizie e benessere.

Il 21 aprile 2022 presso la Basilica di Quargnento, alle ore 20.45, il Festival "in cammino" farà  sentire le voci degli Allievi dell'Accademia Nazionale di Belcanto Italiano assieme alla voce e allo strumento dei maestri dell'Accademia. Così si esibiranno i soprani Manuela Rinaldi, Arianna Richeldi (Italia) e Mari Tsiklauri (Georgia), il giovanissimo tenore Visznay Botond (Romania), il baritono Davide Spantigati (Italia), ed il basso Emmanuel Fullerton (Nicaragua), il M° Astrea Amaduzzi e all'organo il Maestro Mattia Peli. In programma, nell'anno del 30° anniversario dell'elevazione a Basilica della Chiesa di Quargnento, musiche sacre di Pergolesi, Durante, Mozart, Rossini, Donizetti, Bellini, Verdi, Franck e Fauré.

Il Festival proseguirà poi il suo cammino, nel corso dei prossimi mesi a Milano e Roma, virando dalla musica sacra a quella operistica, con concerti lirici e la messa in scena di Rigoletto di Verdi, ad Alessandria, Verona, Ravenna e Recanati.

L'ingresso è libero fino ad esaurimento dei posti disponibili.

venerdì 24 dicembre 2021

OSSERVAZIONI PRATICHE PER LO STUDIO DEL CANTO di Virginia Boccabadati, soprano e maestra di bel canto

"Osservazioni pratiche per lo studio del canto" di Virginia Boccabadati, soprano prediletto da Giuseppe Verdi e maestra di Bel Canto nel Liceo Musicale Rossini di Pesaro, 1893

I criteri con i quali un genio del calibro di Verdi giudicava i cantanti erano quasi sempre in funzione delle parti che essi dovevano sostenere, andando dall'attrice-cantante alla vocalista

In alcuni casi, della potenza della voce e della bellezza timbrica non gli importava nulla. Al tempo delle prime esecuzioni della "Traviata", esaltò la Piccolomini, la Spezia e la Boccabadati

« (...) Per fare il "Re Lear", finora non avete la compagnia adattata. La Penco (che è pure eccellente artista) non potrebbe farmi Cordelia come io l'intendo. Per questa parte non conosco che tre artiste: Piccolomini, Spezia, e Virginia Boccabadati. Tutte e tre hanno voce debole ma talento grande, anima e sentimento di scena. Eccellenti tutte nella "Traviata" (...) Io sentirò qui la Piccolomini, e ve ne dirò qualche cosa. (...) » (da una lettera di Giuseppe Verdi, scritta da Parigi l'11 novembre 1856, indirizzata a Vincenzo Torelli a Napoli)

In altri casi ricercava invece l'ottima cantante: la verità infatti è che, come spiegò al Ricordi l'11 maggio 1887, Verdi vedeva come Desdemona non un'attrice-cantante, ma una vocalista.
"Desdemona canta dalla prima nota del Recitativo, che è una frase melodica, fino all'ultima nota, 'Otello non uccidermi', che è ancora una frase melodica. Quindi la più perfetta Desdemona sarà quella che canta meglio."

Il valore della Boccabadati, oltre che da Verdi, viene confermato anche nell'articolo "La Traviata di Verdi al Carignano, parallelo fra Maria Piccolomini e Virginia Boccabadati" (in: CRONACA MENSILE - RASSEGNA MUSICALE,

da "RIVISTA CONTEMPORANEA" - VOL. OTTAVO, anno quarto - Torino, Tipografia economica diretta da Barera, 1856), quando il critico musicale affermava che:

Le tre cantatrici che hanno riputazione in Italia sovra le altre, di interpretare sublimamente quest'opera di Verdi, sono:
1. - Maria Spezia, la prima che abbia avuto l'ardimento e la ventura di togliere dall'obblio questo spartito e di farlo rivivere nella stessa Venezia, dove sì mala accoglienza aveva incontrato due anni prima;
2. - dopo la Spezia la più stimata era certamente Virginia Boccabadati, la quale in parecchi teatri aveva sollevato l'uditorio ad entusiasmo sotto le spoglie di Violetta, e per ciò era scritturata l'anno passato al Teatro Italiano di Parigi, dove, colta da lungo malore, non potè farsi ammirare;
3. - la terza è, come tutti sappiamo, Maria Piccolomini. Dopo il trionfo ottenuto da lei a Torino, ella fu giudicata la più sublime fra le Violette; infatti, volendo eseguirsi quest'opera a Londra, la Piccolomini ebbe la preferenza; e tutti leggemmo le novelle delle liete accoglienze che ella ebbe nella capitale e nelle altre città d'Inghilterra, nelle quali tuttavia ella trascorre festeggiata. Dovendo anche a Parigi rappresentarsi la "Traviata", prescelta ad interpretarla fu la Piccolomini; e fra poco ella si presenterà su quelle scene.

( Potete leggere l'articolo completo al seguente link, del blog CANTO VERDIANO --> http://cantoverdiano.blogspot.com/2021/02/la-traviata-di-verdi-parallelo-tra-la.html )



Ed ecco alcune delle più interessanti 'osservazioni pratiche' della Boccabadati (tra le sue allieve, le poi celebri Celestina Boninsegna e Maria Farneti!) che abbiamo qui selezionato per tutti voi, e che trattano i seguenti punti di tecnica vocale:
- Respirazione
- "Arrotondamento" della A
- Registri della voce
- Passaggi di registro
- "Note di testa"
- Posizione della lingua e del palato
- "Portamento di voce"
- Trillo
- Declamazione

Queste osservazioni io dedico agli allievi di composizione che mi hanno prestato il loro concorso, e che tuttora mi aiutano come accompagnatori. Scrivo per essi una regola di insegnamento come io la pratico da dieci anni nella classe di canto per Donne in questo Istituto Rossini di Pesaro.
Gli allievi dovranno occuparsi di leggere e di studiare i metodi più completi del Garcia e del Delle Sedie, come vien loro indicato dal programma, essendo questi metodi corredati di dimostrazioni anatomiche e fisiologiche necessarie a conoscersi.
La lettura del mio piccolo lavoro non sarà del tutto inutile, perchè non è soltanto il frutto della mia particolare esperienza, ma compendia i consigli ricevuti, quasi in eredità, da una famiglia rispettabile in Arte, e da tutti rispettata.

Scuola di Canto per Donne.
Qualità per esservi ammesse.

Le giovinette destinate allo studio del canto devono dimostrare di possedere una sana costituzione, ed essere in grado di sostenere la fatica dell'esercizio quotidiano coll'aver raggiunto uno sviluppo fisico in rapporto con la loro età.
Allorchè si presentano in un Istituto per studiare la Musica poco più che adolescenti, nessun abile maestro potrebbe accertare se col crescere degli anni acquisteranno la robustezza di voce che occorre pel teatro. Si potrà verificare una certa chiarezza di timbro, la prontezza dell'intonazione, le buone disposizioni musicali; ma il progresso della sonorità e della estensione della voce non può affermarsi tanto presto; occorre per ciò una durata ragionevole di studio prudente e graduato.

1° Anno di Studio nella Classe di Canto.

All'età di 16 anni compiuti, dopo essere state iniziate alla teoria musicale, le allieve sono in grado di venire affidate alla Maestra di Canto, che possibilmente sarà stata essa stessa una cantante riputata buona. Incominceranno a solfeggiare, e l'esercizio sarà di breve durata, limitato ad una tessitura media. (...)
L'esercizio del Solfeggio elementare verrà alternato con facili vocalizzi, per avviare alla giusta impostazione della voce, onde presto ne sia fissata l'estensione e la tendenza naturale.

RESPIRAZIONE - POSIZIONE VOCALE BASE ("A" arrotondata):
Per prima prova si faranno emettere dei suoni isolati, senza darsi pensiero del colorito, facendo aprire ragionevolmente la bocca colla vocale "A" leggermente arrotondata, e facendo respirare con naturalezza, un poco più abbondantemente che per parlare (...) più avanzata nello studio [la principiante] saprà da se stessa regolare il respiro colla necessaria economia, acquisterà la facoltà di tenerlo più a lungo, e di rinnovarlo a proposito. Eguale premura dell'insegnante sarà rivolta a stabilire i differenti registri della voce e a informarne bene ogni allieva, perchè si abitui a regolarne i passaggi difficili. Per noi della vecchia scuola i registri della voce risulterebbero "tre" (...)

REGISTRI DELLA VOCE ("passaggi"):
Per verità non è facile fissare una regola precisa, quando si consideri che non vi è voce che si rassomigli. L'orecchio esperimentato di chi insegna e la continua pratica aiutano e guidano ad ottenere l'equilibrio di questi delicati passaggi fra il "primo" registro, cioè quello delle "note gravi" o "di petto", e il "secondo" delle "note acute" o "di testa", con un "terzo" che con dolce transizione unisce le note dell'uno coll'altro. E' giusto di tener conto di ciò onde la natura ha favorito le voci di donna; affaticarsi a distruggerlo, sopprimendo le "note gravi", sarebbe lo stesso che voler impedire più tardi ogni effetto di canto drammatico. Però le "note gravi" non vanno forzate nelle giovinette: il "primo" registro non oltrepassa per lo più il Fa (1° spazio in chiave di Sol) per la voce di Soprano. Sovente per sfortuna non si ottiene neppure il Mi (1° riga in chiave di Sol). Fra Fa diesis e Sol si deve ottenere un suono delicato, leggermente misto. La, Si, Do, Re sono le vere note medie. Da Re (4° riga, chiave di Sol) a Mi (4° spazio, id.) si studia il passaggio che porta alle "note di testa", appoggiate, come suol dirsi nei Metodi, "ai seni frontali"; si sentono infatti risuonare fra il naso e la fronte. (...)

VOCI FEMMINILI (Soprano - Mezzo Soprano - Contralto):
1. La voce di Soprano ha generalmente l'estensione sensibile di due ottave dal Do sotto le righe (in chiave di Sol). Voci eccezionali come erano quelle della Malibran, della Patti, della Tacchinardi-Persiani, e come sono, fra le giovani cantanti, quelle della Pettigiani e della Pinkert, possono o scendere più in basso, o salire agli estremi "Sopr'acuti"; ma di queste meravigliose qualità, di rado sviluppate ai sedici anni non si deve tener conto, e l'allieva così favorita dalla natura non può valersene senza pericolo se non all'ultimo periodo del suo studio di perfezionamento, verificando tuttavia a lontani intervalli se queste note straordinarie si sono conservate.
2. La voce di Mezzo Soprano ha pure l'estensione di due ottave (dal La basso) e può avere qualche nota di più: un esempio n'è stata la Borghi-Malmo (Madre). Sarebbe però arrischiato di alterarne la tessitura secondando la smania comune di cantare ad ogni costo il Soprano Drammatico. Abituale risultato di tale compiacenza è quello di non arrivar mai a far cantar da Soprano se non con voce stridula o tremola o stuonata, mentre il Mezzo Soprano perde le belle note naturali. Questa voce non arriva generalmente "di petto" che al Fa diesis (1° spazio), ma se non lo imposta naturalmente non conviene insistere ma limitarsi al Fa naturale. Le note di testa possono incominciare dal Do diesis (3° spazio - chiave di Sol) e sono generalmente più risonanti che nelle voci di Soprano.
3. Considero la voce di Contralto la più difficile da educare. La sua estensione è di due ottave dal Sol basso, ammettendo sempre delle fortunate eccezioni come: la Pisaroni, la Marietta Brambilla, l'Alboni, la Marchisio, la Scalchi. La prima ottava è quasi sempre tutta "di petto", ed in tal caso è molto gradevole il suo passaggio nelle "note medie" La, Si, Do; ed è invece poco simpatica se sale "di petto" fino al Do (3° spazio - chiave di Sol).
Grande cura occorre per evitare un certo scatto che la voce subisce nei passaggi difficili di registro; ciò accade più sovente fra le "note di petto" e le "medie", ma nella voce di Contralto si nota anche fra le "note medie" e quelle "di testa". Ricordo ancora lo studio accurato che intesi fare dalla celebre Marietta Alboni in presenza di mia madre per raddolcire questo passaggio. Essa tentava e riusciva ad emettere a "mezza voce" l'ultima nota del suo "registro grave" e delicatamente la portava, legando, alla prima del "registro acuto" (per lei i registri non erano che "due") e dava a questa una maggiore sonorità; riprendeva quindi pianissimo la nota più "acuta", e, legando, tornava forte a quella "grave".
Si può fare in tal modo un esercizio vocalizzato sulla vocale "A arrotondata", legando fra loro due, tre e più note di Scala. (...)

EMISSIONE VOCALICA (posizione di lingua e palato molle):
In ogni voce si riscontrano dei difetti di suono o gutturali o nasali. E' difficile di vincerli coi primi studi di impostazione; conviene però tentare di correggerli, e cercare la giusta e migliore sonorità della nota difettosa, esercitandola col suono di tutte le vocali, molto aiutandosi coll'orecchio, e provando di emetterla con vocale più aperta se è gutturale, e più arrotondata quando è nasale.
Coll'abbassare la lingua ed alzare il palato si ottiene una piacevole sonorità. (...)

SCALE LENTE:
I primi esercizi si fanno di Scala, lentamente, in tutti i toni maggiori e minori; l'allieva, lontana dal pianoforte, ben posata colla persona, si abituerà a pensare alle note ed alla tonalità in cui canta, aumentando a grado a grado l'estensione e la rapidità della Scala. Con cura particolare imparerà subito a unire i suoni fra loro; può a ciò servire di regola la legatura degli istrumentisti d'arco che per verità studiano di imitare la voce umana ed il canto corretto degli antichi cantanti. Un mio ricordo d'infanzia è quello di avere inteso celebri violinisti di quell'epoca (Bazzini, Emiliani) dichiarare che suonavano l'Andante della "Sonnambula" "Ah! non credea mirarti" e il Largo della "Norma" "Casta diva" sotto l'impressione ricevuta dal canto perfetto di mia madre Luigia Boccabadati (nata nel 1800). (...)

LEZIONE-METODO:
La lezione sarà di breve durata, possibilmente alternata fra due allieve di eguale capacità, e sarà sospesa qualora le giovinette siano indisposte, o accusino la più leggera sofferenza alla gola.
Tutti i medici si accordano in questa regola di prudenza.
(...) ogni Metodo è buono purchè scelto giudiziosamente, e si adatti alla tessitura di ogni voce, nei limiti dell'ampiezza di respiro.
Ad una allieva di pronta intelligenza si può già insegnare in questo corso qualche frase di canto con parole. E' molto indicato a questo scopo il Metodo Pratico del Maestro Nicola Vaccaj.

2° Anno di Studio nella Classe di Canto.

E' da presumere che a questo punto le difficoltà musicali siano superate: la voce avrà intanto acquistato forza di timbro, sicurezza d'intonazione, e facilità di modulazione. (...)
Dagli esercizi, il naturale progresso porta ai vocalizzi più difficili, sia ad una, sia a due voci; e da questi si passa al canto con parole. E' giustamente indicato di giovarsi delle "arie antiche" che distintissimi Maestri hanno riunite in utili edizioni, fra cui noto i volumi degli "Echos d'Italie", e la bella Raccolta del Prof. Parisotti; sarà pure indispensabile di far cantare duetti di Autori classici ed alcune romanze da camera, moderne, scelte fra le migliori.
L'insegnante dovrà accennare la frase con precisione e ripeterla finchè l'allieva l'abbia ben compresa e sia messa in grado di imitarne la chiarezza dell'accento, dell'inflessione e della pronuncia. (...) Chi insegna il Canto deve poter correggere e rettificare i difetti della pronuncia.
Chi desideri rendersi conto dell'articolazione di ogni sillaba, e di ogni parola, può trovare diffuse spiegazioni nei Metodi di canto di Garaudé, di Garcia, di Delle Sedie e di altri. (...)
Un accurato esercizio di lettura sarà stato fatto prudentemente sotto abile direzione fino dal 1° anno dello studio di canto, e mentre le allieve si abitueranno gradatamente all'accento poetico, dovranno anche essere guidate a conoscere le regole del contegno e del gestire.
Alla fine di questo corso le allieve devono prender parte alle esercitazioni corali, ottimo studio per sviluppare l'organo vocale, e l'esattezza della misura, per far perdere la timidezza, e per far progredire nella lettura a prima vista del canto con parole.

3° Anno di Studio nella Classe di Canto.

S'incomincierà questo corso collo studio dei recitativi di opere dei migliori autori italiani, dopo di che si passerà alla esecuzione delle arie difficili del nostro vecchio repertorio; soprattutto conviene occuparsi del Recitativo, perchè le allieve imparino a fraseggiare con vivace disinvoltura nell'opera buffa, con inflessioni di voce gentili e patetiche nelle opere sentimentali e romantiche, mentre nel recitativo drammatico dovranno abituarsi a dare la necessaria sonorità, ed a marcare vigorosamente l'accento.
Coi vocalizzi difficili di Righini, di Garaudé e con altri, scelti nei migliori metodi di perfezionamento, le alunne avranno imparato a valersi di tutto il respiro, e a non interrompere la frase musicale per riprenderlo; dovranno porgere il canto con elegante colorito e si troveranno preparate ad eseguire i cantabili larghi e maestosi delle nostre belle arie italiane.

PORTAMENTO DELLA VOCE (e Legato):
Ora viene a proposito di accennare le mie idee sul "portamento della voce": ho già detto che pel canto legato può servire di modello il modo accurato col quale un violinista di stile corretto eseguisce le frasi musicali sul suo istrumento. "Legare" non significa nè "strisciare" nè "portare la voce", ma "passare" senza "stacco" o "silenzio" da una nota all'altra.
Per "Portamento" invece s'intende un leggero anticipare del suono da una nota a quella che segue. Un esempio semplicissimo è una frase del duettino dei Soprani nell'Otello di Rossini ("Quanto son fie [RE]_[SOL] eri i pa [DO]_[LA] alpiti")

E' chiaro che il "portamento" si fa dove sono due note per una vocale e una sillaba, mentre ognuna delle altre note ha per sè una vocale ed una sillaba, ed è ben semplice di tenerle per tutto il loro valore. (...)
Un altro esempio ce lo offre un recitativo della stessa opera, che noterò dopo la seguente osservazione: che devesi cioè evitare il "portamento" fra due note congiunte per intervallo di "seconda", se la parola non termina e non comincia con vocale, e se non vi è elisione nella stessa parola (nel qual caso il portamento vien naturale); ma quando una parola termina con vocale e quella che segue incomincia per consonante è da preferirsi lo "smorzo". Ogni regola però soffre eccezione, e, per esempio se la distanza dell'intervallo supera la "seconda", allora il buon gusto suggerisce in quale frase il "portamento" aumenti la grazia o la drammaticità dell'accento.
("Oh! Come infino al core giungon quei dolci accenti! Chi [SALTO ASCENDENTE DI 5a GIUSTA, SOL-RE] sei che così canti? Ah tu ramme- [SALTO DISCENDENTE DI 7a DIMINUITA, FA-SOL#] -nti lo stato mio crudele")
Notando in tal modo questo brano di recitativo, il compositore ha sufficientemente dimostrato che si può cantarlo senza portamenti di voce, pur di dare alle note quell'inflessione d'accento che la poesia richiede, e quello smorzo che ne aumenta l'elegante espressione. Si può però "portare" la voce nelle due frasi ("Chi sei? - Ah tu rammenti") per raddolcirne anche più la mestizia; ma dovrà evitarsi di esagerare (...)
Io non ricordo di aver mai ricevuto osservazioni sul "portamento della voce" all'epoca de'miei studi di canto, non so se per istinto buono, o piuttosto perchè ero abituata all'esecuzione corretta di mia madre che era la più perfetta cantante di metodo di cui si possa serbare memoria. Quanta saviezza nei suoi consigli, e quale indulgenza! Ella non insisteva mai per ottenere che subito si facesse bene, e ci lasciava riflettere sulla lezione, concedendo alla nostra voce frequenti riposi, che qualche volta si prolungavano per settimane e per mesi.
Alla ripresa del lavoro la voce aveva acquistato freschezza e volume. Ora invece molti maestri asseriscono che nemmeno sotto l'azione di una malattia di gola o di qualunque sofferenza, si deve perdere l'abitudine di un esercizio vocale forte e prolungato. Chi può perdonare loro il male che producono? La salute compromessa, la voce guastata, e tanti denari sprecati, e tante illusioni perdute?....

SCALE VELOCI (agilità vocali) - ABBELLIMENTI (ornamenti) - IL TRILLO:
(...) Lo studio delle difficili arie si compie coll'eseguire "l'allegro", per lo più composto di due "Cabalette", e nella seconda, pur di non eccedere, è permesso di fare qualche variante e di aggiungere degli abbellimenti.
Le "scale" devono riuscire rapide ed estese; decise le "acciaccature", ben graniti i "gruppetti" di cui la prima nota va accentata più delle altre; ben precise le "volate" di semitoni, fissando una divisione che ne assicuri l' "accento" e l' "intonazione" a "tre", "quattro", "sei" od "otto" note; di puro "attacco" e "stacco" le "picchettate" per le quali occorre una vera cura di prontezza e di economia di respiro. Il trillo soprattutto va lavorato in modo da non cagionare ostacoli ad ogni pezzo difficile ove ci sia l'obbligo di farlo. (...) talvolta il "trillo" non riesce, mentre c'è chi lo ha naturalmente facile; in ogni modo sarà utile di averlo studiato. Va dapprima esercitato senza preparazione, accentando a piena voce la nota superiore; accertata la perfetta intonazione e sonorità delle due note "di eguale perfetto valore" se ne accelererà quanto è possibile il movimento.
Tale prova va ripetuta più volte al giorno, evitando di stancare il respiro, ed esercitando di preferenza le note migliori, non quelle di passaggio fra i differenti registri
.
"I Maestri più celebri si sono valsi dei vocalizzi e dei gorgheggi per rendere più variate le loro composizioni"; ma l'abuso va naturalmente evitato, tanto più ora che il gusto moderno preferisce quasi esclusivamente il canto di espressione; però non bisogna cadere nell'esagerazione, ma persuadersi anzi che lo studio delle agilità impone ai cantanti un esercizio che trascurerebbero per non valersi più che di effetti triviali.

DECLAMAZIONE (moderata):

(...) non si può esigere da una allieva di canto la forza di inflessione che richiede la declamazione parlata; più vi è progresso nel canto, e meno la voce è adattata per essere adoperata in un discorso molto accentato; questa cara voce dipende da fibre così delicate che è proprio da stupirsi possa resistere allo strazio crudele che talvolta ne vien fatto. Dunque occorre moderazione in tutto, tanto nell'esercizio del canto, quanto in quello della declamazione.
Dal consiglio di sapienti medici ci viene la regola che la lezione o studio vocale non deve durare di continuo più di mezz'ora; ma può essere ripetuto più volte nella giornata. (...)

4° Anno di Studio nella Classe di Canto.

Incomincia da questo punto la necessità di imparare a memoria le Opere per formarsi un repertorio. (...)
Alle maestre di canto incombe consigliarle sul perfezionamento dello stile, guidarle a ben porgere ed unire efficacemente la parola col canto, proporre i coloriti, gli abbellimenti e le cadenze.
In poche lezioni le alunne dovranno saper ritenere un'Opera a memoria, cantandola correttamente; da sè stesse avranno indovinato o trovato un sicuro effetto di alcune frasi per ogni pezzo. L'insegnante rettificherà gli errori e guiderà l'intelligenza senza soverchiare lo svegliarsi della spontanea individualità artistica. (...)
La maestra di declamazione deve secondare quest'ultimo periodo d'insegnamento per ottenere dalle alunne un perfetto contegno, il camminare più grave o più svelto che non si usi nella vita abituale, ed il gestire con nobile semplicità.
Così guidate non sarà per esse difficile di immedesimarsi nel carattere che devono rappresentare. Le maestre di canto e di declamazione le avranno messe sulla via di una giusta interpretazione, ma dopo ciò dovranno "saper pensare", e non aspettare più suggerimenti se non dalla propria ispirazione; il canto deve acquistare un particolare colorito da un intelligente lavoro della mente.
Non è necessario l'affannarsi sulla scena con movimenti rapidi e disordinati, potendo ciò nuocere alla fermezza della voce e alla finezza del canto. Ho conosciuto celebri cantanti con talento scenico, che soffrendo del troppo agitarsi avevano saputo adattare alle situazioni più drammatiche delle movenze naturali 'proporzionatamente' calme, senza nuocere all'effetto della scena. Ammirabile in ciò fu Erminia Frezzolini (...)

N.B.
Brevi informazioni biografiche, tratte da "BOCCABADATI, Luigia", voce enciclopedica presente in: Dizionario Biografico degli Italiani - Volume 10 (1968):

<<Dei suoi figli, la più celebre fu Virginia, nata il 29 apr. 1828, che debuttò brillantemente nel 1847 al Teatro Massimo di Palermo con "Linda di Chamounix" di Donizetti. (...) La Traviata, di cui fu giudicata una delle migliori interpreti, "ancor più espressiva della Patti" (Schmidl) nel ruolo di Violetta. Dedicatasi, infatti, al repertorio verdiano, Virginia seppe conquistarsi, insieme con M. Piccolomini e M. Spezia, la stima e la preferenza di Verdi.

Mortole il marito, il conte Carignani di Torino, Virginia abbandonò il teatro, accettando tuttavia, verso il 1883, il posto offertole da C. Pedrotti di maestra di canto al conservatorio di Pesaro, dove insegnò fino al 1900 (alla sua ottima scuola si formarono, fra le tante allieve, Celestina Boninsegna, Maria Farneti [soprano mascagnano molto noto agli inizi del XX secolo], A. M. Pisano Pettignani, e M. Quarenghi Galli). Tornata a Torino, vi morì il 6 agosto 1922.

L'eredità materna si manifestò in Virginia più nell'arte dell'espressione e nella tecnica perfetta che nella potenza della voce, anche se pura, d'intonazione sicura e assai agile. Fu, infatti, una delle interpreti di maggior prestigio di opere del repertorio lirico-leggero, ma seppe raggiungere altrettanta eccellenza in opere più drammatiche.>>

(da: VIRGINIA BOCCABADATI - Maestra di Bel Canto nel Liceo Musicale Rossini di Pesaro - "OSSERVAZIONI PRATICHE PER LO STUDIO DEL CANTO" - Pesaro, 1893) 

Buona lettura e buona riflessione!

giovedì 9 dicembre 2021

Voci liriche e grammofoni per il "Memorial Gigli 2021" a Recanati, con l'Accademia Nazionale di Belcanto Italiano

"MEMORIAL GIGLI 2021", con il Belcanto Italiano Duo (Astrea Amaduzzi, soprano e Mattia Peli, pianoforte) ed il tenore Raymond Turci, giovane allievo dell'Accademia Nazionale di Belcanto Italiano

- MEMORIAL GIGLI 2021 -

Su iniziativa dell’Associazione "B.Gigli" e dell’Assessorato alle Culture del Comune di Recanati, in collaborazione con l’Associazione Controvento Aps di Recanati, in occasione del 64° anniversario della scomparsa di Beniamino Gigli si comunica che:
domenica 12 dicembre 2021, alle ore 17,30, all’Aula Magna comunale si terrà l’evento “Memorial Gigli 2021” incentrato anche sul ricordo del soprano Rina Gigli.
A rappresentare lo squisito fraseggio della tecnica belcantistica italiana Il "BELCANTO ITALIANO DUO" costituito dal soprano Astrea Amaduzzi e dal Maestro Mattia Peli (pianoforte, organo) che nasce nel marzo 2011 per riaffrontare in una nuova veste raffinatamente musicale un ampio repertorio, spaziando dalla musica sacra all'opera italiana, dalla canzone napoletana alla musica vocale da camera. Il Duo che si è esibito in Italia ed all’estero, in diversi teatri ed auditori, collabora anche con compositori contemporanei, tra i quali Massimo Moretti di cui il Duo ha eseguito a Rieti in prima mondiale il suo "Interwoven Silences - New York 2011" e Leonardo Ciampa che ha dedicato ad Amaduzzi-Peli la sua lirica da camera "Pusilleco" nel 2020. Dall’ottobre 2018 sono docenti presso l’Accademia Nazionale di Belcanto Italiano, in collaborazione con famosi cantanti lirici, tra i quali il celebre tenore Ugo Benelli. Con loro il tenore modenese Raymond Turci, giovane allievo dell’Accademia.

Il soprano Rina Gigli verrà ricordato dal prof. Gianfranco Lelj, nato a L’Aquila, ma cresciuto a Bologna. Dopo essersi laureato in lettere moderne, insegna, presso la cattedra di filosofia moderna, Storia del Cinema. La sua passione per il cinema lo porta alla fotografia come mezzo di avvicinamento per la settima arte. Dopo alcuni splendidi ritratti del soprano bulgaro Raina Kabaivanska, fa conoscenza con il regista Mauro Bolognini che, colpito da tali foto, lo scrittura come fotografo di scena per il suo film “Fatti di gente per bene” con Catherine Deneuve. L’eccellente risultato attira l’attenzione di Luchino Visconti, massimo regista europeo a quei tempi, che chiama Lelj a Roma per seguire la lavorazione del suo film “L’innocente” tratto da D’Annunzio.

Con i brani in programma di Rossini, Donizetti, Verdi, Bizet, Massenet, Boito, Mascagni, Puccini e Tosti, verranno eseguiti brani lirici dal vivo alternati ad ascolti di dischi, incisi da Beniamino e Rina Gigli su grammofono donato dagli eredi dell'attore di prosa, collezionista e ricercatore di trattati di canto lirico Mauro Benedetti, originali dell’epoca. I dischi selezionati per l'occasione provengono dall'archivio in continua espansione dell'Ass. "Belcanto Italiano" di Ravenna e del Centro Internazionale di Studi per il Belcanto Italiano "B. e R. Gigli" di Recanati.
A presentare il concerto sarà il presidente dell’Associazione "Gigli" Pierluca Trucchia.  
 

Il "BELCANTO ITALIANO DUO" - costituito dal soprano Astrea Amaduzzi e dal Maestro Mattia Peli - si è esibito in Italia, in diversi teatri ed auditori, a Verona (Sala “Maffeiana” del Teatro Filarmonico), Alessandria (Teatro Parvum), Cremona (Teatro Filo), Bologna (Teatro Guardassoni), Ravenna (Sala "Corelli" del Teatro Alighieri), Recanati (Teatro Persiani), Chieti (Teatro Comunale "Marrucino"), Rieti (Teatro "Flavio"), Roma (Sala Accademica del Conservatorio S.Cecilia), e all'estero, a Varsavia (Stanislaw Wislocki House, Radziejowice Palace), Praga (Dvořák Museum) ed in Francia a Saint-Mandrier-sur-Mer (Salle Marc Baron). Nel 2011 ha inciso, al Teatro Comunale "Marrucino" di Chieti il cd "COLORI SONORI DI NAPOLI" - SOUNDING COLOURS OF NAPLES Neapolitan Songs & Dances from 1200 through the 20th Century.

ASTREA AMADUZZI, Soprano lirico di coloratura, eccelle particolarmente nel bel canto, in un ampio repertorio che si estende dal Barocco al Novecento.
Formatasi musicalmente negli anni '90, ha studiato prima flauto traverso, e poi canto lirico con Carmela Remigio, perfezionandosi vocalmente con Biancamaria Casoni e sul versante dell'arte scenica con Enzo Dara, giungendo a diplomarsi in canto presso il Conservatorio di Pescara “L. D’Annunzio” nel 2002.
Dal 2001 ha lavorato come cantante e strumentista per diversi enti teatrali italiani in Lombardia, Emilia-Romagna, Toscana (Teatro Grande di Brescia, Teatro Verdi di Pisa, Accademia Chigiana di Siena, Accademia Lirica Mantovana, Fondazione Toscanini di Parma) con Maestri del calibro di Massimo De Bernart, Antonello Allemandi, Alessandro Pinzauti, ed i registi Alberto Macchi, Simona Marchini, Pierpaolo Pacini, in particolare nelle produzioni di “Le Nozze di Figaro” (Marcellina), “La  Cenerentola” (Clorinda) e “Don Carlo” (Voce dal Cielo), e ha cantato in veste concertistica in innumerevoli auditori e importanti basiliche in Italia e all’estero (Polonia e Inghilterra).
Nell’ottobre 2005 è vincitrice unica, per la categoria femminile, del IV Concorso Internazionale di Musica Sacra di Roma. Nel giugno 2007 viene insignita del "Diploma d'Onore" al Torneo Internazionale TIM di Roma.  
E’ stata chiamata dalla RAI ad incidere la colonna sonora del documentario “Matteo Ricci, un gesuita nel regno del Drago” e presentato all’attenzione internazionale il 9 giugno 2009 all’Auditorium in Via della Conciliazione in Vaticano.
Nel 2012 ha fondato il primo Concorso Mondiale Online "Belcanto Italiano" e nel 2013 crea le “Belcanto Italiano Masterclasses”, nelle quali insegna tecnica vocale a studenti e cantanti provenienti da tutto il mondo, tenendo regolarmente seminari di canto lirico in tutta Italia e all'estero (in Francia, Austria, Polonia e Repubblica Ceca).

RAYMOND TURCI, giovane Tenore modenese, ha studiato canto lirico dal 2012 al 2016 nei Conservatori di Milano e Cesena. Allievo di Carlo Bergonzi nel 2013-14, ha in seguito partecipato attivamente a masterclass di canto con vari maestri e cantanti lirici. Ha interpretato il ruolo di Macduff nel "Macbeth" di Verdi al Centro "Croce Coperta" di Bologna nel 2016. Attualmente, dal febbraio 2021 sta perfezionandosi con il soprano Astrea Amaduzzi, fondatrice e docente di tecnica vocale dell'Accademia Nazionale di Belcanto Italiano, giungendo nell'estate di quest'anno ad interpretare il ruolo del Duca di Mantova nel "Rigoletto" di Verdi a Castelvetro di Modena. E' stato chiamato a cantare brani sacri in memoria di Tito Schipa, nella Chiesa di S.Giorgio M. in Solignano, amena località in provincia di Modena in cui il celebre cantante leccese soggiornò nel periodo 1937-47, attorno agli anni del secondo conflitto mondiale.

MATTIA PELI, Pianista, compositore e direttore d'orchestra, è da sempre musicista eclettico, sia in campo esecutivo che didattico.
Formatosi musicalmente presso il Conservatorio "A.Boito" di Parma, ha studiato Violino con il Prof. Alessandro Simoncini (Nuovo Quartetto Italiano) ed il Prof. Ivan Rabaglia (Trio di Parma), diplomandosi nel 1998, Composizione con il M° Emilio Ghezzi e Pianoforte con il Prof. Orlando Calevro, diplomandosi nel 2001 (Diploma in Piano Performing), “with distinction”, con l'Associated Board of the Royal Schools of Music, London. Ha studiato direzione d'orchestra con il M° Julius Kalmar (allievo del celebre Hans Swarowsky), perfezionandosi con i Maestri Yuri Ahronovitch, Bruno Aprea ed Isaac Karabtchevsky, giungendo nel 2005 a diplomarsi in direzione d’orchestra sotto la guida del M° Manlio Benzi al Conservatorio “G.Rossini” di Pesaro.  
Ha fondato nel 1997 a Parma l'Orchestra Aperta d'Archi “Giovane Emilia” debuttando con la stessa alla Corale “G.Verdi” di Parma in qualità di giovanissimo direttore nel 1998. Dal 2000 dà concerti come direttore d’orchestra (Orchestra Filarmonica Marchigiana, Orchestra Giovanile “Cherubini”, Orchestra d'archi ucraina della Casa Bavarese di Odessa, Orchestra rumena del Teatro di Cluy) e pianista solista e in formazione vocale da camera in diversi importanti teatri, auditori, chiese, sinagoghe, musei e sale in Italia, ed all’estero a Stoccolma (Library Hall of the Royal Castle), Londra (Spiro Ark Centre), Regensburg (Festsaal des Bezirks Oberpfalz) e Gerusalemme (Christ Church).  
Come compositore, le sue musiche sono state eseguite a Parma (Conservatorio di musica "A.Boito" e Teatro Regio), ed all’estero a Barcellona, Madrid, Tegucigalpa, Londra, Parigi e Taipei. Dal 2001 pubblica le sue composizioni con la Casa Editrice Musicale “L’Oca del Cairo” di Parma. 

Maria Jeritza: "Non gridare e non forzare la voce" - una grande lezione di canto

Maria Jeritza: "Non gridare e non forzare la voce" - una grande lezione di canto

Maria Jeritza: "NON GRIDARE E NON FORZARE LA VOCE" - una grande lezione di canto!

«...at twelve I was attending the "Musikschule" in Brünn [Brno]. There, aside from regular class instruction, Professor Krejci gave me private lessons twice a week. I think myself that I had a good, clear voice when a child, but Krejci was even then convinced that I had a future, and taught me with the greatest care.
He taught me one very important thing right at the start, something which every student should realize–NOT to scream, and NOT to force my voice. It is a lesson every vocal student should take to heart, for the habit of screaming and forcing the tone, if developed when the voice is forming, and persisted in, has ruinous consequences. Professor Krejci made me do a good deal of scale work. He would never let me experiment singing songs of all descriptions indiscriminately, a singing evil some teachers encourage»

...a dodici anni frequentavo la "Musikschule" a Brünn [Brno]. Là, al di fuori del regolare insegnamento accademico, il Prof. Krejci mi diede lezioni private due volte alla settimana. Reputo di aver posseduto, da bambina, una voce bella e pura, ma Krejci era già convinto allora che io avessi un futuro, e mi istruì con la più grande cura.
Egli mi insegnò, fin dall'inizio, una cosa molto importante, qualcosa che ogni studente dovrebbe realizzare–di NON gridare e di NON forzare la mia voce. E' una lezione che ogni studente di canto dovrebbe prendere a cuore, poiché l'abitudine a gridare e a forzare il suono, se sviluppata quando la voce è in formazione, e se prolungata, ha rovinose conseguenze. Il Prof. Krejci mi fece fare un bel po' di lavoro sulle scale. Non mi avrebbe mai permesso di provare a cantare arie di ogni genere in modo indiscriminato, un pessimo vizio canoro che alcuni insegnanti incoraggiano.
»]

(Maria Jeritza, from: Frederick Martens - "The Art of the Prima Donna and Concert Singer", 1923)

[Nella foto: Giacomo Puccini con il soprano Maria Jeritza, celebre Tosca e prima interprete del personaggio di Turandot nella première americana del 1926 al Metropolitan, con Giacomo Lauri-Volpi nel ruolo di Calàf - N.B. è stata anche creatrice di diversi ruoli operistici, tra i quali Arianna in "Ariadne auf Naxos" e l'imperatrice in "Die Frau ohne Schatten" di R.Strauss, così come Marie/Marietta in "Die tote Stadt" di Erich Wolfgang Korngold]

-------

Maria Jeritza sull'importanza della "mezzavoce", delle 'colorature' e della saggia strategia di studio nel canto lirico:

A PERSONAL RECEIPT FOR SUCCESS IN SINGING
"(...) as regards 'what' to practice in the way of exercises I can only give you a kind of personal receipt. In the first place, it means the world and all for the student of singing to be in good hands from the very start. (...) There are fundamentals the student can obtain only from a good teacher. Teaching, good or bad, influences one's whole career, so see that your teachers are the best. (...)  
How do I practice every day? In the summer, when I am preparing new rôles, perhaps two hours a day in all; but I divide my time. I may sing for fifteen or twenty minutes, and then not sing again for an hour or so. I do my daily flexibility exercises every day, the scales at different speeds, beginning them 'mezza voce' and working up to the full sustained tone. I also sing Marchesi 'vocalises' and 'solfeggios', which include all of coloratura passages and ornaments. During the season, when I am singing on the stage, I never practice, aside from rehearsals, more than an hour a day. The purely technical exercises do not really represent a strain. I always look on them 'as' purely technical, a mechanical means of oiling the voice, making it light, easily responsive; just as the simple gymnastic exercises I use make the body flexible and supple."

[Come mi esercito ogni giorno? In estate, quando sto preparando nuovi ruoli, forse due ore al giorno in tutto; ma divido il mio tempo. Posso cantare per quindici o venti minuti e poi non cantare nuovamente per circa un'ora. Faccio i miei esercizi di flessibilità quotidiana ogni giorno, le scale a diverse velocità, iniziando ad eseguirle a 'mezza voce' e sviluppandole fino al suono pieno e sostenuto. Utilizzo anche i 'vocalizzi' e 'solfeggi' della Marchesi, che comprendono ogni sorta di passaggi e ornamenti di coloratura. Durante la stagione, quando canto sul palcoscenico, non mi alleno, a parte le prove, più di un'ora al giorno. Gli esercizi puramente tecnici non rappresentano veramente una tensione. Li considero sempre 'come' puramente tecnici, un mezzo meccanico per oliare la voce, rendendola leggera, facilmente reattiva; così come i semplici esercizi ginnici che utilizzo rendono il corpo flessibile ed elastico.]

 

THE ROUTINE OF ACQUIRING A NEW RÔLE
"I have a regular routine when studying a new part.
-1. First comes the reading of the libretto.
-2. Then, so that I will feel entirely at home in the work, especially if it is a period opera, I read all sorts of books which will give me the atmosphere of the epoch in question. If I am to represent a character of a certain time and day, I must have a knowledge of that character's point of view and surroundings, mental and material, for a basis. Getting this basis—and I consider it very important—may cost me eight or ten days.
-3. Then comes the music. I first go over it in a purely technical way; I make note of the mechanical difficulties; the arrangement of the vocal line, breath and phrasing. I can get up the most difficult operatic rôle by heart in four or five days and sing its music in the rough.
-4. And then comes the most difficult part of all—the filing down, the polishing, the working out of every least little detail. An intricate piece of goldsmith work offers the nearest comparison, perhaps, to this part of opera study. The goldsmith has his design outlined; but he must lend the utmost clarity and beauty to every line and every curve. And so, too, every line and curve of the melody, every rise and fall of the accent, every dramatic and lyric inflection in the general design of an operatic rôle must be brought out, and brought into reletionship with the rest of the work. This is not eight-day process, but takes me from four to five weeks. I take this work very seriously; for I know of no other way of giving vitality, real human quality to a rôle. And no singer, be she ever so popular, has a right to rely on her popularity to excuse poor preparation. Even quite small rôles can be beautifully done. (...)"

STRAUSS AND PUCCINI HEROINES
"Strauss has written a part for me, and both he and Puccini have given me rôles which it has been fascinating to create. I am fond of Puccini's heroines because they are so human, because they are flesh-and-blood women whom the public loves. (...)
And just as I have studied 'La fanciulla del West', 'Tosca' and 'Il tabarro' with Puccini, so I have studied 'Ariadne' and 'Rosenkavalier', as well as 'Die Frau ohne Schatten' with Strauss. (...) To study a new part with Richard Strauss is a real experience. He and Schalk often came to my home in Vienna and would run over my rôles at the piano with me. Strauss is clearness itself when he explains, and he knows exactly which effects he wants to produce. He insists on a beautiful melody line. And he is always willing to help the singer; change a difficult interval in a vocal phrase or make any reasonable modification. (...)
I cannot understand why the modern composer so often insists on writing for the human voice as though it were an orchestral instrument of wood or brass. There is the part of the Princess, in Fritz Schrecker's opera 'Das Spielwerk der Prinzessin', which I have sung. Vocally it is one of the most terrible things ever written, I think. (...) A part like that of the Princess. . . . Well, think of a strong rubber band being stretched out full lenght, again and again and again, for hours at a time! How long would it stand the strain? And the vocal cords are really delicate, like threads. Really, after such roaring and screaming, to sing a genuine Italian or Mozart opera aria seems like a balsam to the voice. No, there seem to be no real vocal 'lines' in many modern scores."

[in: "The Art of the Prima Donna and Concert Singer" by Frederick H. Martens - D.Appleton and Company, New York, 1923]


-------

From Vienna in May 1923, Puccini wrote a letter to Giueseppe Adami, which indicates the type of power a singer like Maria Jeritza held over productions and over the composers who sought her talent.  He wrote:

Dear Adamino,
In hate: arrived safely.  Cool today, but very warm journey.  There is talk of “Manon” for September.  They are giving “Cappelli Bianchi” in a few days.  Eisenschitz wanted to give you a pleasant surprise.  If Jeritza accepts they will do “Manon.”  If not I shall return to my work.  But I shall stay here a little while for the festivities which they have prepared for me.  They treat me here as if I were the Kaiser or the Crown Prince.  Living is enormously dear.  My bedroom and sitting-room cost 500,000 crowns a day.  I am well.  My thoughts are on the lovely “Turandot,” lovely in her newest attire, thanks to the great “tailleur” Adamino.  And talking of beauty, last night at the Opera, in Strauss’s “Legend of Joseph” there was an ensemble of the feminine nude that would have turned the head of St. Francis.  Good-bye.  Greetings to you from us all. 

(Giuseppe Adami, ed., “The Letters of Giacomo Puccini,” Translated by Ena Makin, (London: Harrap & Co, 1931), 307).

Jeritza al MET di New York nel ruolo di Turandot

giovedì 25 novembre 2021

Accademia Nazionale di Belcanto Italiano e grammofoni in concerto al Museo della lirica di Verona per la "Tosca" di Puccini

TOSCA di Puccini, Concerto del Belcanto Italiano Duo e dei cantanti in 78 giri della collezione di grammofoni del Museo della lirica di Verona - Palazzo Orti Manara, 27 novembre 2021

27 novembre 2021: torna nuovamente ad esibirsi il Belcanto Italiano Duo in concerto, su invito del direttore del Museo della lirica di Verona, in una serata di musica dedicata alla "Tosca" di Puccini, opera in tre atti che, vedendo la luce il 14 gennaio 1900, si pone al contempo come spartiacque e come collegamento tra due secoli, quello romantico dell'Ottocento e il nuovo secolo moderno: il Novecento!  
Si affiancherà al Duo questa volta anche il tenore Raymond Turci, come pittore Cavaradossi, allievo dell'Accademia Nazionale di Belcanto Italiano fondata e diretta dal soprano Astrea Amaduzzi, che interpreterà la cantante Floria Tosca.

Saranno eseguiti i seguenti celebri brani dall'opera pucciniana, il cui libretto è basato sul dramma di Victorien Sardou "La Tosca" rappresentato per la prima volta a Parigi il 24 novembre 1887:

"Non la sospiri la nostra casetta" (Atto I) [dal duetto Tosca-Cavaradossi]
"Vissi d'arte" (Atto II) [Tosca]
Conclusione dell'atto secondo "E' morto!...E avanti a lui tremava tutta Roma!" (Atto II) [Tosca]
La piattaforma di Castel Sant'Angelo (le campane suonano mattutino), musica orchestrale (Atto III)
"E lucevan le stelle" (Atto III) [Cavaradossi]

Maestro al pianoforte: Mattia Peli.
Gli altri momenti salienti dell'opera verranno fatti ascoltare in 78 giri direttamente dai grammofoni della collezione del Sig. Chiàntera. Presenta Giovanni Martes.

www.belcantoitaliano.it/belcanto-italiano-duo/